Non indurmi in tentazione

Non indurmi in tentazione è il titolo della foto qui sopra, scattata lo scorso autunno a Wroclaw (Breslavia) in Polonia. Per me riproduce il tentativo della suora di sfuggire alle ammalianti note del sassofonista, affrettando il passo verso il silenzio del suo chiostro.. E’ un’ immagine imperniata su un bianconero dal forte contrasto; sono il bianco ed il nero e dover prevalere: se la tentazione viene dalla musica, dovrebbe essere nero il suonatore; invece è nera la suora. E se questo nella realtà è normale, in ambito simbolico può voler dire qualcosa. La foto è stata in esposizione, assieme a numerose

Ammassalik, il lato nascosto della Groenlandia

La mostra Se i miei racconti dell’ Artico hanno acceso in voi almeno un briciolo di curiosità su quelle terre remote e sull’ affascinante cultura inuit. Se abitate nelle vicinanze di Courmayeur. Oppure se avete progettato una settimana bianca in Valle d’ Aosta, vi consiglio di non perdervi l’ interessantissima mostra Ammassalik – il lato nascosto della Groenlandia. Verrà inaugurata il 24 dicembre al Museo Alpino Duca degli Abruzzi di Courmayeur, e ospiterà, anche una serie di fotografie realizzate dal sottoscritto assieme ad altri splendidi scatti di fotografi che hanno avuto la fortuna di visitare quelle terre remote.La mostra sarà

Il viaggiatore, l’ antiviaggiatore ed il viaggiatore slow: un modo diverso di trascorrere l’ 11/11/11

Cari amici ho il piacere d’invitarvi ad una serata molto speciale che si svolgerà venerdì 11 novembre 2011 presso il ristorante DECAMERON di Forino alle ore 19.00 Questa data che riecheggia la cabala (11-11-11) sarà dedicata al tema del viaggio ed ai vari modi di interpretarlo, perciò è intitolata “IL VIAGGIATORE, L’ANTIVIAGGIATORE ED IL VIAGGIATORE SLOW”. Saranno esposte alcune delle mie migliori fotografie di viaggio, ci sarà una performance molto simpatica di Carlo Crescitelli (l’ antiviaggiatore) sul tema dei viaggi alternativi ed avventurosi, e sarà proiettata una raccolta di foto scattate da Lucio Napodano dedicate ad aspetti umani e situazioni