Marzamemi, la baia delle tortore

Home » My blogs » Italia » Marzamemi, la baia delle tortore
MKarzamemi, la baia delle tortore. Il porticciolo di Marzamemi

Marsa al Hamem, in Arabo: Baia delle Tortore.
Col tempo il nome si è italianizzato e trasformato in Marzamemi.
E già questo basta a capire quanti secoli di storia alberghino dietro queste pietre.
Giù giù in Sicilia, alla stessa distanza dall’ Equatore di Capo Bon, delle Azzorre, di San Francisco. Ormai siamo al capolinea.
Di fronte c’è solo mare, tanto mare. Se si potesse guardare oltre l’ orizzonte si vedrebbe Creta, che è proprio lì di fronte, giusto ottocento chilometri più ad Est.

MKarzamemi, la baia delle tortore.  Marzamemi, Chiesa di San Francesco da Paola
Le tonnare

Con tutto questo mare davanti, Marzamemi è il posto ideale per andare a pesca. 

Gli Arabi costruirono qui le prime case proprio per andare alla ricerca di pesce. E che pesce! Nella stagione giusta soprattutto tonni.

Pian piano Marzamemi divenne una delle più importanti tonnare della Sicilia:  “un ridotto di navi. Il mare abonda quivi di tonni e d’altri pesci marini, tutti buoni a mangiare” scriveva a metà del ‘500 Tommaso Fazello, monaco, storico, teologo, geografo a tempo perso ed eminente esempio della poliedricità dell’ uomo rinascimentale.

Antichi depositi di Marzamemi
La storia

Attratti dalla pescosità del luogo da qui oltre agli Arabi sono passati gli Spagnoli e poi i Borboni prima dello sbarco di Garibaldi. Ed in tutti questi secoli e sotto tutte queste dominazioni Marzamemi ha continuato ad essere un piccolo borgo di pescatori, circondato da saline.

Ma ogni storia ha la sua fine e quella di Marzamemi si concluse  alla fine degli anni ’60 del secolo scorso per sopravvenuta mancanza di materia prima: i tonni erano ormai stati sterminati.

Marzamemi, le vecchie case dei tonnaroli
Il turismo

Poi è arrivato il turismo.

Il vecchio borgo che ospitava i tonnaroli e le loro barche oggi è un ritrovo chic affollato di baretti e ristoranti. Il palazzo dei Principi Bonaccorsi di Reburdone è un albergo extralusso, il deposito delle imbarcazioni  un locale per matrimoni à la page.

Delle vecchie tradizioni della caccia al tonno non resta più niente.

Marzamemi, la baia delle tortore. . L' ingresso alla piazza di Marzamemi
La bellezza di Marzamemi

Ma la bellezza, quella sì che resta. 

Un’ antica chiesa di arenaria guarda il mare attraverso un arco, la grande piazza del borgo al tramonto si accende di colori caldi che rinvigoriscono il giallo dei tufi.  Nel cielo abbondano le tortore, ma nella stagione giusta ci sono anche fenicotteri e cicogne che sostano nelle paludi di Vendicari per riposarsi durante le loro lunghe migrazioni 

Marzamemi, la baia delle tortore
, Chiesetta sconsacrata di San Francesco di Paola al crepuscolo

Fuori, il porticciolo ospita ancora qualche barca da pesca, che galleggia placida mentre scende la notte.

Curioso di leggere ancora qualcosa sulla Sicilia? Qui c’è qualcosa di interessante!

Marzamemi, la baia delle tortore
Il porto di Marzamemi al crepuscolo

Ti è piaciuto? Ti andrebbe di leggere ancora le mie storie di viaggio e fotografia?
Perché non ti iscrivi alla mia newsletter?
Ne riceverai una solo quando pubblicherò un nuovo articolo ed i tuoi dati non verranno mai comunicati a terzi!
Se invece vuoi continuare a goderti belle foto di viaggio, usa il menu in alto e fai un giro per il mio sito!
Sapevi che puoi spedire gratis tutte le e-card che vuoi? Scegli le foto che ti piacciono di più e poi clicca sul bottone
E-Card in basso a destra per spedirle a chi vuoi. E’ semplice ed è gratis!

1 thought on “Marzamemi, la baia delle tortore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up