Lesina fuori stagione: la danza immobile

Home » My blogs » Italia » Puglia » Lesina fuori stagione: la danza immobile
Laguna di Lesina e sandali

Lesina fuori stagione: pietra bianca e silenzio affacciati su una striscia di lago.

All’ ora di pranzo, i sandali riposano in secca, la laguna è possedimento esclusivo di volatili alla ricerca anche loro di un pasto.

La chiesa parrocchiale sta come un faro sul punto più alto del paese. Pur se si tratta solo di pochi metri, l’ elevazione la fa risaltare a chilometri di distanza in questa pianura interrotta in fondo solo dal rilievo del Gargano.

Lesina e laguna

Attorno alla chiesa il bellissimo acciottolato bianco di pietra di Apricena ed antichi palazzi.

In giro non c’è un’ anima, però dietro le tendine dei “bassi” sento occhi curiosi pungere.

Dall’ altro lato del lago, una stradina sterrata ti accompagna verso quello che chiamano porto e che è in realtà l’ estuario di un fiumiciattolo, divenuto riparo per un paio di pescherecci ed altre barche più piccole.

Oltre la duna si scorgono le Tremiti, e chissà, forse, nelle belle giornate, il profilo dei Balcani.

Il turistificio è solo dietro l’ angolo: stabilimenti vuoti e spiagge grigie in attesa di tempi migliori.

Per giungere all’ immensa spiaggia deserta occorre però prima perdersi nella pineta, seguendo sentieri che sembrano sempre non portare da nessuna parte o ad un cancello con lucchetto.

Porto Canale di Lesina

La segnaletica stradale non è una specialità del luogo, o forse mi trovo solo nella stagione sbagliata.

Raggiunto finalmente l’ arenile, un mare grigio, e gli occhi curiosi di operai che stanno lavorando ai lidi chiusi, incuranti del vento teso ed anche abbastanza freddo. Il mare di questi tempi regala poco calore, pensa solo ad immagazzinarlo.

In fondo, delle ruspe semisommerse lavorano ad un relitto arenatosi qui nel secolo scorso.

Chissà cosa trasportava, barili di rifiuti tossici sussurrano in tanti.

Ma quei barili non si trovano.

Ed adesso scomparirà anche lo scafo, innesco di troppo interrogativi.

C’’è più lavoro nei campi.

E’ il tempo del grano verde, i papaveri sono rossi ed i cardi viola.

Si lavora sperando che cambi questa stagione assassina che finora ha regalato troppa acqua e niente sole. Acqua attorno, acqua dal cielo.

Agricoltura, pesca e turismo balneare si intersecano e si accavallano in questa pianura, ma la crisi colpisce duro tutti.

Ad ogni angolo è un fiorire di cartelli vendesi: si vendono appartamenti vista mare, orrendi manufatti in cemento armato a pochi metri dalla costa, appezzamenti di terreno agricolo e finanche i sandali. Che non sono calzature…

Piazza centrale di Lesina

Nel centro di Lesina il palazzo più bello, proprio a fianco alla chiesa parrocchiale è chiuso ed abbandonato.

Ma almeno questo non si vende, si affitta.

Da tempo e con poco successo a valutare la vetustà del cartello inchiodato al bel portone di legno.

Ti è piaciuto? Ti andrebbe di leggere ancora le mie storie di viaggio e fotografia?
Perché non ti iscrivi alla mia newsletter?
Ne riceverai una solo quando pubblicherò un nuovo articolo ed i tuoi dati non verranno mai comunicati a terzi!
Se invece vuoi continuare a goderti belle foto di viaggio, usa il menu in alto e fai un giro per il mio sito!
Sapevi che puoi spedire gratis tutte le e-card che vuoi? Scegli le foto che ti piacciono di più e poi clicca sul bottone
E-Card in basso a destra per spedirle a chi vuoi. E’ semplice ed è gratis!

Related Images:

5 thoughts on “Lesina fuori stagione: la danza immobile

  1. Carlo says:

    Magico Gargano… noi ci siamo passati da poco… e ahimè pure noi con un tempaccio che… vabbè, nulla è riuscito a togliere al suo fascino!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up