La (sostenibile) leggerezza del ferro

Home » My blogs » Italia » Puglia » La (sostenibile) leggerezza del ferro
Siponto - Tresoldi

È un fantasma ad accoglierci.

Una forma evanescente, che sembra appena abbozzata.

I raggi del sole che cala la attraversano senza difficoltà.

Eppure è solida, solida come il ferro di cui è fatta.

E’ un fantasma ma non sembra minaccioso; è lì per custodire la chiesa, che già si intravede.

Basilica al tramonto - Siponto - Tresoldi

E’ una chiesa della stessa materia del fantasma: tonnellate metalliche attraversate dalla luce radente del tramonto. La (sostenibile) leggerezza del ferro.

Si distinguono agevolmente le colonne, i capitelli, le capriate del tetto.

E si distingue perfettamente il cielo, dietro.

La (sostenibile) leggerezza del ferro. Basilica al crepuscolo - Siponto - Tresoldi

Il fantasma mi lascia passare senza difficoltà e non c’è neanche bisogno di pagare un obolo.

La (sostenibile) leggerezza del ferro. The apse Siponto - Tresoldi

No no siamo capitati in un nuovo Regno di Mezzo, ma a Siponto, provincia di Foggia. Qui, sulle rovine di una chiesa che fu prima romanica e poi medievale, l’ artista romano Edoardo Tresoldi ha installato una delle sue realizzazioni: quattro chilometri e mezzo di rete zincata elettrosaldata. Per intenderci sono quelle che si usano per le recinzioni dei giardini. E con questa rete Tresoldi ha ricostruito secondo il linguaggio della trasparenza la chiesa originaria, quella romanica, che ormai non c’è più.

La (sostenibile) leggerezza del ferro.  The grid - Siponto - Tresoldi

Una costruzione solidamente leggera, apparentemente fragile e priva di consistenza ma in realtà massicciamente tridimensionale. E che ha un suo peso: 7 tonnellate di ferro che non scherma la luce.

Metallic transparencies - Siponto - Tresoldi

Non contento, Tresoldi ha aggiunto delle figure antropomorfe realizzate con la stessa tecnica.

Forse sono fantasmi o viandanti o monaci. Chi lo sa.

Viandanti - Siponto - Tresoldi

Sono lì nell’ ombra, figure solidamente evanescenti  ed osservano silenziose.

Il monaco - Siponto - Tresoldi

Un’ operazione molto metafisica, questa, che proietta il visitatore in uno spazio onirico e senza tempo e nel quale tuttavia “ciò che si vede, è”.

Ed è proprio l’ antitesi tra la solidità del ferro e l’ evanescenza delle figure e delle strutture a creare la magia del luogo.

Caged sunset - Siponto - Tresoldi

Ti è piaciuto? Ti andrebbe di leggere ancora le mie storie di viaggio e fotografia?
Perché non ti iscrivi alla mia newsletter?
Ne riceverai una solo quando pubblicherò un nuovo articolo ed i tuoi dati non verranno mai comunicati a terzi!
Se invece vuoi continuare a goderti belle foto di viaggio, usa il menu in alto e fai un giro per il mio sito!
Sapevi che puoi spedire gratis tutte le e-card che vuoi? Scegli le foto che ti piacciono di più e poi clicca sul bottone
E-Card in basso a destra per spedirle a chi vuoi. E’ semplice ed è gratis!

Related Images:

5 thoughts on “La (sostenibile) leggerezza del ferro

  1. delegointe says:

    Opera interessante e foto che la descrivono in maniera esauriente. Un’opera un po’ costosa da realizzare senza un sovvenzionamento. Chissà se resiste anche alle intemperie, specialmente qualche tempesta con molto vento, o se sarà temporanea.

    Rispondi
    1. Photos On The Road says:

      La sovvenzione credo proprio ci sia stata. Ma l’ opera ha un suo effetto particolare. Sinceramente merita.
      Non è pensata per essere temporanea, e finora ha retto ad un paio di inverni. Vedremo il seguito 🙂
      Grazie sempre per seguirmi.

      Rispondi
  2. Fulvia says:

    Bellissima l’installazione, ha un che di magico e le foto ne rendono il giusto merito creando l’atmosfera perfetta per.cogliere la bellezza di questa chiesa che c’era, ma c’è ancora.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up