Groenlandia – Il fascino dell’ Artico

image

100 chilometri a Sud del Circolo Polare Artico, 300 chilometri ad Ovest dell’ Islanda, ultimo lembo Occidentale d’ Europa o forse primo lembo orientale del continente americano, dipende anche dai punti di vista: atterrare in Groenlandia Orientale è un’ esperienza emozionante, ma il bello arriva sicuramente dopo, con una luce di qualità unica, e panorami nuovi e stranianti.

La pista dell' aeroporto di Kulusuk, Groenlandia Orientale

Kulusuk – con il suo minuscolo aeroporto con pista in terra battuta e panorama direttamente sugli iceberg – ci dà il benvenuto con cielo grigio e nubi basse, una pioggerellina fine che sembra provenire da ogni angolo. Non ci sono formalità di ingresso nel Paese, che formalmente è ancora una provincia danese; sbarchiamo e ci affacciamo all’ esterno dell’ aeroporto. Il villaggio non si vede, è al di là di una piccola altura, a circa quaranta minuti di cammino in uno scenario affascinante: tundra glaciale punteggiata di fiori artici, ruscelli e laghi, qualche chiazza di neve e tanto verde-bruno in un silenzio assoluto.

image

Abbiamo solo un’ ora poi un elicottero rosso Ferrari (è il colore della linea aere groenlandese!) ci porterà a Tasiilaq, la capitale della Groenlandia Orientale (Kalaallit Nunaat in lingua Inuit) ed una della città più grandi di questa isola, con i suoi 1.900 abitanti. Eh già, la Groenlandia è davvero un posto poco abitato.

D’ altronde, a Nord c’è il Polo, ad Ovest la calotta polare, ad Est il mare: qui i rifornimenti arrivano con le navi, e si può navigare solo per cinque mesi all’ anno. La località è talmente remota che fu raggiunta dagli Occidentali per la prima volta solo nel 1884. Era appena terminata la piccola glaciazione, quel periodo di tempo che va dall’inizio del XIV alla metà del XIX secolo in cui nell’ emisfero settentrionale ci fu un brusco abbassamento della temperatura, i ghiacciai alpini invasero le valli e distrussero i villaggi, i porti delle città europee ghiacciavano d’ inverno così come i fiumi ed i canali.

A quel tempo la costa orientale della Groenlandia era irraggiungibile, protetta com’ era da una barriera di ghiaccio. Ma intorno al 1850 il trend della temperatura si invertì, permettendo – dopo qualche decennio – ai primi esploratori europei di raggiungere queste coste e di scoprire l’ esistenza degli Inuit della Groenlandia Orientale, che erano lì sin dal Medio Evo e forse prima; arrivavano dalla Siberia, avevano attraversato l’ Alaska ed il Canada fino a raggiungerne la costa orientale; lì si erano conquistati il nome di eschimesi, un’ appellativo da loro non amato, in quanto lo considerano dispregiativo; glielo affibbiarono gli Algonchini – una tribù nativa americana – e la parola significa “mangiatori di carne cruda”. Loro preferiscono farsi chiamare Inuit, che nella loro lingua significa semplicemente “gli uomini”.

image

Dal Canada Orientale gli eschimesi si spostarono in Groenlandia attraversando il canale di Robeson, lo stretto braccio di mare – meno di 30 chilometri di ampiezza – che separa l’ isola di Ellesmere dalla parte più settentrionale della Groenlandia. Ma da lì all’ isola di Angmassalik (dove si trova Tasiilaq) ci sono diverse migliaia di chilometri di ghiaccio e fiordi; per raggiungere la costa orientale non c’ era che una possibilità: navigare. Attraversare l’ intera calotta polare era a quei tempi un’ impresa senza possibilità di riuscita (ancora oggi sono pochi coloro che possono vantarsi di aver effettuato la traversata) e seguire a piedi la linea di costa (per buona parte libera dai ghiacci) avrebbe significato fare quasi il giro del mondo. La linea costiera groenlandese, infatti, ha un’ estensione di 39.330 chilometri, quasi la stessa lunghezza della circonferenza della terra all’ Equatore.

Gli Inuit, però, questo non lo sapevano, non avevano queste conoscenze geografiche, ma lo avrebbero imparato a loro spese. Navigando nei loro kayak lungo la costa, raggiunsero prima l’ estremità meridionale della Groenlandia, e di lì puntarono di nuovo verso il Circolo Polare Artico, stavolta seguendo la costa orientale dell’ isola e finalmente raggiunsero questo fiordo riparato. Qui però i primi insediamenti furono sopraffatti dal freddo del primo inverno e la zona tornò in breve ad essere disabitata. Nelle estati successive arrivarono altre ondate migratorie ma anche queste raramente superarono il gelo della stagione fredda. La costa orientale rimase quindi nuovamente disabitata, fino al XIV o XV secolo, quando gli Inuit della civiltà di Thule riuscirono a colonizzare stabilmente l’ area. Se fino alla fine del XIX secolo gli indigeni non avevano avuto alcun contatto con l’ uomo bianco, anche i contatti con le altre comunità della Groenlandia meridionale ed occidentale erano sporadici: in mezzo c’ era sempre l’ inlandsis.

image

Perciò l’ isolamento degli Inuit della Groenlandia Orientale è stato pressoché totale fino a poco più di cento anni fa, e questo si riflette anche nella lingua, che si è sviluppata in modo differente rispetto a quella delle altre comunità: diverso è il vocabolario, diversa è la pronuncia. Un abitante di Nuuk, la capitale della Groenlandia, posta sulla costa occidentale, non è in grado di comprendere un abitante di Kulusuk.

La prima nave occidentale ad attraccare da queste parti fu una nave danese, ovviamente nel 1829, ma si trattò solo di un passaggio: fino al 1884 gli Inuit tornarono al loro totale isolamento. In quell’ anno fu Gustav Holm a gettare l’ ancora nel fiordo di Angmassalik, dove sorge il villaggio di Tasiilaq. Qui Holm ed il suo equipaggio trascorsero l’ intero inverno ed effettuarono i primi rilievi. Gli abitanti del villaggio, all’ epoca erano 413. Dopo la partenza di Holm trascorsero altri otto anni prima che un’ altra spedizione danese effettuasse nuovi rilievi, notando che la popolazione del villaggio era scesa a 294 abitanti. Il totale isolamento non faceva bene agli Inuit, che stavano lentamente scomparendo. Il governo danese creò allora la “colonia” della Groenlandia Orientale e due anni più tardi fu fondata la stazione commerciale che diede vita al moderno insediamento. La condizioni di vita degli Inuit migliorarono e la popolazione riprese a crescere: nel 1914 gli abitanti erano 599 e da allora la tendenza alla crescita non si è ancora invertita.

image

Insomma gli uomini bianchi e gli Inuit della Groenlandia Orientale si conoscono da poco più di cento anni, e ci sono comunità, come quella di Isortoq, che hanno visto il primo europeo solo una sessantina di anni fa, durante la Seconda Guerra Mondiale.

Anche a Tasiilaq regna il silenzio, rotto periodicamente solo dalle pale dell’ elicottero rosso fuoco che garantisce il collegamento con Kulusuk. Ci si può arrivare anche in kayak, ma è un tragitto lungo e pericoloso; molto più facile d’ inverno, quando tutto ghiaccia, con le slitte.

Questi racconti sono tratti dal mio libro “Ventisette giorni e tre notti”, totalmente autoprodotto, corredato di oltre duecento fotografie a colori.

Ti è piaciuto? Ti andrebbe di leggere ancora le mie storie di viaggio e fotografia?
Perché non ti iscrivi alla mia newsletter?
Ne riceverai una solo quando pubblicherò un nuovo articolo ed i tuoi dati non verranno mai comunicati a terzi!
Se invece vuoi continuare a goderti belle foto di viaggio, usa il menu in alto e fai un giro per il mio sito!
Sapevi che puoi spedire gratis tutte le e-card che vuoi? Scegli le foto che ti piacciono di più e poi clicca sul bottone
E-Card in basso a destra per spedirle a chi vuoi. E’ semplice ed è gratis!

Related Images:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up